No alla violenza sulle donne, sui bambini, sugli anziani, sui figli che sgambettano felici nel grembo delle mamme. No alla violenza fisica, psicologica, verbale. No all’ingiuria, all’ offesa. Impariamo a ragionare, ad ascoltare, a riflettere, a dialogare con garbo, intelligenza, volontà di migliorare. Un abbraccio grande a tutte le donne che conosco e a quelle che non conosco, in particolare alle donne violentate, maltrattate, umiliate, uccise.

Padre Maurizio Patriciello