Per fare il bene non aspettar domani. Comincia subito. Oggi. Questa mattina stessa. Sei solo? E che t’importa? Pensa al contadino quando getta nel campo arato il seme. È solo. Non lo sarà però nel giorno della mietitura. Ricorda sempre: deve marcire il chicco per diventare spiga prima e pane da mangiare dopo. Tu semina. Semina. Semina sempre, senza chiederti come, quando e a chi arriverà il raccolto. Il bene basta a se stesso. Del bene fatto non devi pentirti mai. Mai. Nemmeno quando chi ne ha goduto non ha saputo dirti “ grazie”. Santa giornata. E ricorda che anche oggi la Provvidenza si è svegliata prima di te.

Padre Maurizio Patriciello