ARTICOLI

L’oltraggio dei roghi in Campania. Respiriamo l’inferno senza colpa. Ora basta

Se qualcuno avesse avuto ancora qualche dubbio, venerdì scorso ha dovuto cambiare idea. Parlo, naturalmente, dei dubbi veri di una persona intellettualmente e moralmente onesta. Perché i "dubbi" che...

COSÌ SI VIVE CON LA PAURA DI ESSERE AMMAZZATI

È uno stillicidio che ritorna a intervalli regolari. Vite eliminate per uno sgarbo, un cambio di casacca, un tradimento. O per quel “delirio di onnipotenza” al quale quasi nessuno degli affiliati sa...

L’appello. Ministro Costa, finalmente liberiamo la Terra dei fuochi

Un appello appassionato e diretto al titolare dell'Ambiente Abbiamo lavorato, negli anni passati, gomito a gomito. Lui come generale della Forestale prima e dei Carabinieri poi, noi come semplici volontari. Nessuno meglio...

Terra dei fuochi. Ricordo di Pasquale, bracciante morto di lavoro nero

Stroncato da un infarto a 55 anni, in Campania, nel campo in cui raccoglieva meloni per pochi soldi. E senza un contratto regolare Nero. Come le notti senza stelle,...

PENSIERI

SETE DI VITA

Il bene non ama far rumore. Avanza lentamente, parla sottovoce, progetta ad ampio raggio ma si accontenta anche di piccoli risultati.

NUNZIO

Occorre essere aperti alle sorprese, tenersi pronti, non dare niente per scontato. La gioia è come il vento, ti raggiunge, ti sfiora,...

LASCIAMO APERTA LA PORTA ALLA SPERANZA.

“ Non hai paura?”. La domanda mi viene rivolta più volte e da più parti. “ Io? Ho paura finanche di prendere...

FRATTAMINORE

Era un piccolo villaggio senza pretese. Gli antenati nostri, venuti da chissà dove, lo avevano tirato su alla buona, in mezzo alla...

DIO PASSA NELLA VITA DI TUTTI.

Infermiere professionale, lavoravo in ospedale.Arrivò che era ancora vivo. Avrà avuto non più di 20 anni. In officina era stato colpito da...

Si chiamava Graziella

Come Anna, la profetessa del vangelo, passava le sue giornate in chiesa. Signorina, aveva sposato un vedovo con 4 figli per i...

Non chiedere di campar cent’ anni. Respira forte il giorno che ti è dato. Quando vien sera e il sole si raffredda, dona ogni cosa al Padre della vita. Poi, sereno, poggia sul suo cuore il capo … e dormi.

Padre Maurizio Patriciello